Software non standard o driver installati su hardware non funzioneranno su Windows 10X, ha affermato Microsoft in un video esplicativo. Se tali driver sono incompatibili con il sistema operativo che il gigante del software sta sviluppando per i fattori di forma a doppio schermo, anche i dispositivi che dovrebbero installare non funzioneranno.

Questa limitazione si applica probabilmente solo alla prima versione di Windows 10X. Quindi forse una versione futura del sistema operativo (o un aggiornamento di Windows) supporterà tutto l’hardware e i driver del PC.

Le app Win32 sfruttano un “percorso rapido” verso tutto l’hardware standard

Windows 10X supporta tutto l’hardware con cui di solito lavori sul tuo PC, secondo Microsoft. I dispositivi compatibili includono tastiera, mouse, scheda grafica DirectX ed Ethernet integrata.

Microsoft apprezza il fatto che ci saranno alcune utili app Win32 in esecuzione su Windows 10X. Pertanto, ha fornito un modo per queste applicazioni di utilizzare le risorse del sistema host, incluso l’hardware di input / output. Windows 10X limita le app all’interno dei contenitori affinché funzioni.

Win32 è uno dei contenitori e alle app in esso viene assegnato un “percorso rapido” all’hardware di Windows 10X. Microsoft afferma che questo contenitore è una specie di macchina virtuale. Ma a differenza di una VM, vanta una bassa latenza, che consente scambi superveloci tra app Win32 e risorse di Windows 10X come dispositivi di rete, stampa e I / O.

Puoi controllare l’accesso ai dispositivi sensibili alla privacy

Windows 10X designa un determinato hardware come sensibile alla privacy e ti consente di decidere se consentire alle tue app Win32 di accedere a tali strumenti. Ad esempio, è possibile controllare l’accesso ai dispositivi che acquisiscono audio / video o disattivare le risorse in grado di fornire informazioni geospaziali.

Leggi anche  La nuova interfaccia utente di controllo della musica su Windows 10X è stata rivelata

Tuttavia, è possibile applicare tali restrizioni solo a livello dell’intero contenitore Win 32. Pertanto, se si spegne la fotocamera, nessuna app in questo contenitore può accedere al dispositivo.

Offrire agli utenti un modo per controllare la propria privacy è un’ottima idea, ma qui le restrizioni sull’accesso generale non hanno molto senso. Non è nemmeno chiaro perché tali controlli si applichino a livello di app nei contenitori nativi, ma al livello più alto all’interno del contenitore Win32.

Per molti utenti, controllo reale significa libertà di decidere quali app Win32 specifiche possono o meno utilizzare determinate risorse del sistema host.

Forse Microsoft lo affronterà in un’architettura di contenitore Windows 10X avanzata.