Nel 2019, il Garante europeo della protezione dei dati ha indagato sulla presunta violazione di Microsoft delle leggi europee sulla protezione dei dati. Tale organismo ha confermato di avere serie preoccupazioni riguardo ai contratti di Microsoft con le organizzazioni europee. Microsoft ha ora pubblicato nuovi Termini dei servizi online per Office 365.

Nel 2018, il Ministero della Giustizia olandese ha avviato le proprie indagini sulla raccolta nascosta di dati di telemetria di MS Office. All’inizio del 2019, il DMOJ ha affermato che Microsoft stava violando il regolamento generale sulla protezione dei dati dell’UE su otto account. Tali violazioni del GDPR riguardavano più specificamente i sistemi di raccolta dei dati di telemetria di Office 365 e Office Pro Plus. Il DMOJ ha accusato Microsoft di aver raccolto dati personali su larga scala senza informare correttamente gli utenti.

Quel verdetto ha fatto suonare un campanello d’allarme a Bruxelles. Il garante europeo della protezione dei dati ha seguito l’inchiesta iniziale in Olanda. Più tardi nel 2019, il GEPD ha dichiarato:

Sebbene le indagini siano ancora in corso, i risultati preliminari rivelano serie preoccupazioni in merito alla conformità delle pertinenti condizioni contrattuali alle norme sulla protezione dei dati e al ruolo di Microsoft come elaboratore per le istituzioni dell’UE che utilizzano i suoi prodotti e servizi.

In risposta, Microsoft ha promesso che avrebbe cambiato i suoi contratti di servizio cloud verso la fine del 2019. Il responsabile della privacy di Microsoft ha dichiarato:

[Noi] chiariremo che Microsoft assume il ruolo di responsabile del trattamento dei dati quando elaboriamo i dati per determinati scopi amministrativi e operativi legati alla fornitura dei servizi cloud coperti da questo framework contrattuale, come Azure, Office 365, Dynamics e Intune. La promessa di base era quella di introdurre una maggiore trasparenza sull’elaborazione dei dati nell’OST di Microsoft.

Ora Microsoft ha appena pubblicato i suoi nuovi Termini di servizio online per Office 365. Il nuovo OST è disponibile per il download in varie lingue dal sito Web Microsoft. Il nuovo OST include quattro modifiche chiave all’originale. È un documento di 40 pagine che non autorizza Microsoft a elaborare i dati dei clienti per scopi commerciali a meno che il cliente non lo autorizzi.

Leggi anche  Correzione: l'indirizzo della funzione ha causato un errore di protezione

Pertanto, il nuovo documento OST rende molto più chiaro il modo in cui Microsoft Office 365 elabora i dati dei clienti. Terminerà l’elaborazione nascosta dei dati dei clienti da parte della grande M con Office 365 e Office Pro Plus.